22-24 giugno 2018 – ALTA VIA DEL GRANITO

2018-06-24 Tutto il giorno

L’Alta Via del Granito è una traversata ad anello nella singolare isola granitica del gruppo Cima d’Asta – Cime di Rava (Catena del Lagorai). L’Alta Via percorre una rete di antichi sentieri ed ex strade militari, risalenti alla Prima Guerra Mondiale, collegando gli unici due rifugi del gruppo. Tre giorni di cammino fra stupendi paesaggi naturali, severi ricordi della Grande Guerra, malghe ed alpeggi, testimonianze esemplari dell’antico patto dell’uomo con la natura.

Venerdì 22 Giugno 2018:

  • Mattina presto – Partenza dal parcheggio antistante bar Ferretti (SS 3 – uscita S.Eraclio)

  • 12.00 circa – Arrivo a Malga Sorgazza (TN) ed inizio escursione

  • Prima tappa: Malga Sorgazza (1450 m.) – Rifugio Cima d’Asta “Ottone Brentari” (2476 m.)

  • Cena e pernottamento presso il rifugio

Sabato 23 Giugno 2018:

  • Colazione presso il rifugio “O. Brentari”

  • Seconda tappa: Rifugio Cima d’Asta “Ottone Brentari” (2476 m.) – Rifugio Malga Caldenave “Claudio e Renzo” (1792 m.)

  • Cena e pernottamento presso il rifugio

Domenica 24 Giugno 2018:

  • Colazione presso il rifugio “Claudio e Renzo”

  • Terza tappa: Rifugio Malga Caldenave “Claudio e Renzo” (1792 m.) – Malga Sorgazza (1450 m.)

  • Rientro a casa in serata

Prima tappa:

Da Malga Sorgazza con i suoi morbidi prati dove pascolano gli animali, si risale dolcemente la valle; successivamente, si sale più ripidamente arrivando infine per caratteristiche lastronate granitiche fino al lago e quindi in pochi minuti al Rifugio Brentari (m. 2.476). Da qui è possibile (condizioni del terreno e stanchezza permettendo) l’ascensione di Cima d’Asta (m. 2.847), cima più alta del gruppo ed eccezionale punto panoramico.

Dislivello: ↑ 1061 m. ↓ 19 m. Lunghezza: 7 Km. Difficoltà: E Tempo: 3,30 ore senza soste

Seconda tappa:

Dal rifugio Brentari si raggiunge Forcella Magna, importante valico che durante la Prima Guerra Mondiale era servita da una carrozzabile che permise agli italiani di assestarvi grossi pezzi di artiglieria. Si prosegue con piacevole cammino in quota fino alla Forcella delle Buse Todesche. Da qui, il sentiero passa per i suggestivi Laghi della Val dell’Inferno e scende ai bei pascoli del Rifugio Caldenave (m. 1.792)

Dislivello: ↑ 645 m. ↓ 1318 m. Lunghezza: 12,5 Km. Difficoltà: E Tempo: 6,30 ore senza soste

Terza tappa:

Dal Rifugio Caldenave si sale fino a Forcella Ravetta da cui, con comoda e panoramica traversata sulla testata della Val di Rava, si arriva al Forzelon di Rava. Qui, una breve deviazione sale al Cimon Rava (m. 2.436), che offre una bella veduta sulle cime della Cresta del Frate. Si scende passando per il Lago di Costa Brunella fino a giungere a Malga Sorgazza, completando l’anello.

Dislivello: ↑ 718 m. ↓ 1064 m. Lunghezza: 9,5 Km. Difficoltà: E Tempo: 4,30 ore senza soste

Saremo ospiti del Rifugio Cima d’Asta “Ottone Brentari” (mezza pensione dalla cena del venerdì alla colazione del sabato – pernotto compreso – circa 45,00 €) e del Rifugio Malga Caldenave “Claudio e Renzo” (mezza pensione dalla cena del sabato alla colazione della domenica – pernotto compreso – circa 45,00 €).

Abbigliamento: scarpe da trekking, giacca a vento, cappello, pile, guanti, sacco letto, quanto necessario per il pernotto, cambio. Cosa portare nello zaino sarà illustrato con un incontro successivo tra i partecipanti

Avvertenze: il trasferimento da Foligno per Malga Sorgazza (TN) e ritorno avverrà con mezzi propri; da valutare la possibilità di noleggiare un pulmino (decisione e costi a carico dei partecipanti). Il pranzo dei tre giorni è al sacco; l’acqua è disponibile solo presso i rifugi. Nel caso di maltempo, condizioni del terreno non ottimali o per imprevisti che nel frattempo dovessero sopraggiungere, le escursioni potranno subire delle variazioni.

Prenotazioni entro e non oltre il 30 aprile 2018.

Per maggiori informazioni: