14 LUGLIO 2019 – Il Monte Vettore e il lago di Pilato

2019-07-14 Tutto il giorno

La vetta del monte Vettore la più alta del Parco dei Monti Sibillini, da cui si possono vedere tutte le altre vette del gruppo) e quelle della Laga, del Gran Sasso e dei Monti Gemelli. Il lago di Pilato con le sue leggende e il Chirocefalo del Marchesoni piccolo crostaceo scoperto e classificato solo negli anni 50 e che vive solo in questo lago.
Il percorso inizia al valico di Forca di Presta (1536 m). Si sale per il netto sentiero che all’inizio si tiene leggermente sotto il crinale. Giunti a quota 1920, in prossimità di una sella, si oltrepassa la croce in memoria di Tito Zilioli, alpinista ascolano morto proprio in questo punto a causa di una tormenta di neve durante la prima ripetizione invernale della via “il Canalino” (versante sud-est del Vettore). Dopo la croce si sale al monte Vettoretto (2052 m ), cima poco pronunciata a cavallo tra la Valle Santa (Umbria) e il versante sud del Vettore (Marche). Il sentiero sale obliquando sotto il ripido pendio di Cima di Prato Pulito (ghiaia scivolosa) fino a giungere al rifugio Zilioli (2240 m), al momento non agibile e gravemente lesionato a causa del terremoto (ma è in corso un progetto per la sua ricostruzione). Proseguendo a destra, in direzione mord-est, si sale piuttosto rapidamente fino alla vetta del Monte Vettore (2476 m). Dal rifugio Zilioli è possibile raggiungere lo storico lago di Pilato, scendendo lungo i prati in direzione nord-ovest e seguendo l’inciso nell’erba (attenzione: di solito in questo tratto la neve permane fino a giugno). Si prosegue fino a raggiungere una conca dalla quale inizia un tratto ghiaioso. Qui occorre piegare nettamente a destra in lieve salita per poi scendere in obliquo superando una ripida fascia rocciosa chiamata “le Roccette” (passaggi di I grado). Il sentiero taglia in direzione nord l’ampio ghiaione sopra il lago, fino a giungerlo 1940 m. Se le condizioni metereologiche permetteranno per coloro che se la sentiranno (nel tratto in salita dalla Sella delle Ciaule alla Punta di Prato Pulito il sentiero è scosceso e poco evidente) è prevista la salita alla cima del Redentore e a Cima Lago per cresta. In caso di maltempo o per cause indipendenti dagli accompagnatori l’escursione potrà subire delle variazioni LUOGO DI RITROVO: ORE 6,45 PARCHEGGIO DECATHLON DIFRONTE AL BAR LUOGO DI PARTENZA: ORE 8 Valico di Forca di Presta 1536 mt
Dislivello: ↑ 1230 m. ↓ 1230 m. Lunghezza: 13 Km. Difficoltà: EE Tempo: 6,30 ore senza soste LUOGO DI ARRIVO: Valico di Forca di Presta 1536 mt Rientro nel tardo pomeriggio Il trasferimento da Foligno a Forca di Presta avverrà con mezzi propri
Pranzo al sacco. E’ vivamente consigliato di rifornirsi di acqua poiché durante il tragitto non ci sono punti di approvvigionamento. E’ raccomandato l’uso di bastoncini da trekking, crema solare, cappellino, occhiali e abbigliamento da montagna; obbligatori scarponi alti da montagna . PRENOTAZIONE: ENTRO VENERDI 12 LUGLIO 2019
Nel caso di maltempo o per cause non dipendenti dagli accompagnatori l’escursione potrà subire delle variazioni
DIRETTORI DI ESCURSIONE: BENEDETTI ADRIANO AE 3284642369 VANIA BALDUCCI 3407254743